FORESTE ANCESTRALI

Una foresta impiega centinaia di anni per crescere…

In una sola settimana viene distrutta un’area dalle dimensioni del Lussemburgo (2.400 kmq) …per fare prodotti come la carta igienica.

 

 circa l’80% delle foreste del pianeta sono state distrutte

 solamente circa il 20% delle foreste rimane intatto

Qual é il problema?

L’80% circa delle foreste che nel passato ricoprivano la superficie del pianeta sono state distrutte, e la maggior parte di queste negli ultimi 30 anni. Un quinto di questa percentuale è attribuibile al disboscamento. In media un'area dalle dimensioni di un campo di calcio viene disboscata ogni due secondi. Con questo ritmo nei prossimi decenni potremmo perdere aree di foresta equivalenti alla superficie di tutto il continente europeo. La maggior parte di queste foreste sono state distrutte da compagnie del legname. 76 paesi hanno praticamente già perso tutte le foreste. Greenpeace crede sia giunto il momento di agire.

Perché sono importanti le foreste?

Le foreste sono la più ricca espressione di tre milioni di anni di evoluzione della vita sulla terra. Esse racchiudono all’incirca il 90% delle specie animali e vegetali viventi sul pianeta, dai gufi alle orchidee, dagli orsi ai coleotteri. Molte specie non sopravviveranno senza vaste aree di foresta in cui spostarsi.

Le foreste tropicali per esempio coprono solamente il 7% della superficie del pianeta, ma ospitano circa la metà delle specie animali e vegetali della terra. Molte di queste specie sono ancora sconosciute.

Le foreste sono insostituibili.

Le foreste giocano un ruolo fondamentale per le dinamiche del clima a livello planetario. Quando vengono distrutte, rilasciano grandi quantità di carbonio. Questo raggiunge l’atmosfera contribuendo in maniera massiccia all'effetto serra. L’attuale ritmo di distruzione delle foreste incrementa di circa il 20%.le emissioni di carbonio in atmosfera. Basti pensare che gli incendi divampati nella foresta pluviale Indonesiana nel 1997 hanno rilasciato quantità di anidride carbonica pari a quelle rilasciate annualmente dalla combustione di combustibili fossili in Europa Occidentale. L’industria del legname è il principale elemento che contribuisce a questi incendi.

La distruzione delle foreste accelera i cambiamenti climatici.

L’industria del legno è tristemente divenuta sinonimo di sopraffazione nei confronti delle popolazioni indigene, le quali si sono viste distruggere le proprie risorse naturali e tradizioni culturali caratterizzate da un rapporto di completa armonia con la foresta. Per molte etnie, come i Maisin in Papua Nuova Guinea, foresta significa terra di appartenenza, casa. Per migliaia di anni hanno vissuto in questi luoghi senza danneggiarli in alcun modo. I Maisin si oppongono alle operazioni delle compagnie del legname e stanno sviluppando metodi per mantenere la loro identità e eredità culturale derivata dalla vita nelle foreste.

L’industria del legname danneggia le culture native.

Perché non è necessario?

Incredibile a dirsi, il mondo sta abbattendo queste foreste per produrre carta e prodotti in legno a basso prezzo quali carta igienica, cartoni per il latte, stuzzicadenti e guide telefoniche. Enormi quantità di compensato, compreso quello usa e getta utilizzato nelle impalcature per il calcestruzzo, provengono dalle foreste. Nulla di tutto ciò è necessario. Se usassimo carta e legno in maniera più appropriata, la domanda per queste risorse potrebbe venir soddisfatta dalla gestione mirata di altri tipi di fonti, quali silvicoltura e pratiche sostenibili di estrazione del legno.

E' soprattutto riducendo l’uso, riutilizzando e riciclando carta e legname possiamo salvare le foreste.

Chi sono i maggiori responsabili?

Grandi compagnie del legname Europee, Nord Americane e Asiatiche stanno consapevolmente distruggendo le ultime foreste rimaste sul pianeta. La più grande di queste compagnie ottiene introiti annui maggiori di quelli di economie di dozzine di paesi. Stati Uniti, Europa e Giappone consumano molta pasta di cellulosa, carta e prodotti in legno provenienti dalle foreste.

I paesi più ricchi del mondo e le loro compagnie stanno devastando le foreste.

 

Greenpeace è un’organizzazione che si finanzia unicamente con libere donazioni. Non accetta sponsorizzazioni di alcun genere, ma promuove, senza alcun profitto, le tecnologie a basso impatto ambientale. L’efficacia delle nostre campagne e la possibilità di ottenere risultati concreti sono strettamente legati alla vostra generosità.

La donazione a sostegno di Greenpeace può essere fatta attraverso un versamento su c.c.p. n° 67951004 intestato a Greenpeace, effettuando un bonifico bancario sul c.c. n° 13015.48 ABI 01030, CAB 03206 o tramite carta di credito (Visa, Cartasì, Mastercard, American Express) telefonando allo 06/57299909.

O.N.L.U.S.
Viale M. Gelsomini, 28 00153 Roma
Tel: 06 5729991 - Fax: 06 5783531
E-mail: info@greenpeace.it
Sito Web: www.greenpeace.it

©GREENPEACE