ARBORICOLTURA CONSOCIATA

I TRUCCHI DELLA MIGLIORE CONSOCIAZIONE

  1. Usare specie adatte al terreno che si vuole rimboschire, considerando che, per giungere ad ottenere i tronchi delle dimensioni e della qualità richieste dal mercato, gli apparati radicali dell'impianto e la lettiera delle foglie - insieme alle pratiche colturali - devono completamente trasformare il profilo del terreno nei primi 50 100 cm, altrimenti l'impianto dopo una prima crescita iniziale si può bloccare e non si potranno raggiungere le migliori pezzature dei tronchi utili.
  2. Usare soprattutto Olmo, Ontano e Magaleppo come specie accompagnatrici perché hanno le seguenti caratteristiche:
    1. crescono più velocemente delle specie pregiate, e quindi con la loro ombra aiutano notevolmente la formazione della GIUSTA LUNGHEZZA E GIUSTA FATTEZZA del fusto utile, che deve essere ottenuta obbligatoriamente nella prima fase di crescita dell'impianto (entro 6 10 anni) pena la compromissione di gran parte o di tutta la produzione di legno pregiato;
    2. migliorano moltissimo il terreno e la fertilità del terreno in poco tempo, grazie all'azoto-fissazione radicale e fogliare e all'ottima lettiera molto appetita dai lombrichi;
    3. creano subito l'effetto BOSCO e un generale sistema frangivento che, diminuendo l'evapo-traspirazione dell'impianto, garantiscono migliori produzioni;
    4. producono notevoli quantità di legna da ardere di ottima qualità nei diversi turni di ceduazione intercalare che si prevedono di effettuare ogni 7 - 10 anni.

  3. Usare diverse specie a legno pregiato, in modo da aumentare le opportunità di vendita e diminuire antagonismi e attacchi parassitari.
  4. Puntare sulle molteplici attitudini produttive dell'impianto le quali consentono anche a breve termine di trarre un utile economico dell'impianto.
© Vivaio C.R.E.A. - Centro Riproduzione Essenze Autoctone - CARPI (MO)